domenica 25 giugno 2017

Igort&Romolo

In questa domenica piovosa, sono presa dalla lettura dei "Quaderni giapponesi" del fumettista Igort,  volume acquistato a seguito della recente mostra, allestita presso la Galleria dell'Incisione di Brescia.
Esso fonda due mie grandi passioni: il disegno, in questo caso di fumetti, ed il Giappone. Ritrovo tanti spunti e connessioni, tra queste, impensabile, il ricordo di Romolo Romani, ed in particolare di un'opera conservata presso i Musei Civici di Brescia, di cui, purtroppo, non ci sono immagini pubblicate. Mi devo accontentare di fare il confronto con un'opera simile, ma comunque caratterizzante l'associazione mentale appena avvenuta. 



Romolo Romani, Ritratto di Vittore Grubicy de Dragon, 1905
Milano, Gabinetto dei disegni