martedì 17 marzo 2015

accetto il consiglio

A seguito del post "profumo di pane e meditazioni mattutine", una saggia "amica" lontana mi ha scritto una bellissima mail, che parla di me, di lei, di noi. Non per caso la parola amica è tra virgolette, e non perchè non lo sia, ma perchè lo è profondamente, seppur io non sappia quale sia il suo viso! Fa parte, infatti, di quella schiera di persone con cui ho rapporti telefonici ed epistolari, conosciute sempre a seguito della dannata 182 e mai incontrate o viste! Spero però di poterla conoscere presto, lei saggia, vede in me tanto di sè, ed io non posso che esserne lusingata.

Qui lo dico e non lo nego, la 182 ha cambiato la mia vita, nel bene e nel male, e son sicura che, per ora, pesa più il primo aspetto.

Della lunga mail, sincera, profonda e confortante, riporto una frase, di cui cercherò di farne tesoro:

"mi raccomando però, non confondere mai una sana umiltà con la cancellazione della propria autostima. 
quella è alienante."

                                                                                                                            accetto il consiglio