domenica 9 ottobre 2016

Orgogliosa


LO SAPEVATE CHE? #RomoloROMANI
Brescia 1916-2016: Cento Anni di Avanguardie
Romolo Romani 1884-1916. Sensazioni, figure, simboli.
Il nucleo di 60 opere di Romolo Romani di proprietà dei Civici Musei di Brescia è, per ampiezza e qualità, il corpus più importante e cospicuo di opere del grande artista milanese di nascita e bresciano di adozione che è stato sia tra i firmatari del primo Manifesto del #Futurismo che tra i precursori assoluti dell’arte astratta. Costruito attraverso legati, donazioni e acquisti mirati questo fondo documenta la fisionomia dell’artista, nato nel 1884 a Milano, ma vissuto per lunghi periodi a #Brescia. Romani fu tra i firmatari nel 1910 del Manifesto dei pittori futuristi e nella sua seppur breve carriera (morì di malattia nel 1916) incrociò, in un percorso assolutamente non lineare, la cultura simbolista mitteleuropea e il divisionismo di #Previati, superandoli fino ad arrivare ai confini dell’astratto e della figurazione simbolica in netto anticipo rispetto ai suoi tempi. Amico fraterno di #UmbertoBoccioni, tra i giovani artisti che nei primi del Novecento si potevano incontrare a Milano, Romani era il più impegnato a seguire una linea di sondaggio del paranormale e del subcosciente, nel tentativo di riportare in superficie le emozioni e gli stati d’animo attraverso un complesso sistema di trascrizione d’ordine psicografico, occultistico, metaforico. La sua vicenda artistica e umana – segnata per altro dalla malattia mentale, che dal 1910 lo avrebbe isolato in ricorrenti e progressivi vuoti di coscienza – fu improntata da una visione critica dell’uomo e da una propensione a colpire il grottesco del mondo borghese analoghe a quelle che di lì a breve avrebbero animato #Marinetti e i #Futuristi, il #Dada e, più in generale, tutte le avanguardie del primo Novecento.
La mostra, che prevede l’esposizione di tutte le opere dei Musei Civici sottoposte per l’occasione ad alcuni importanti interventi conservativi e di restauro, costituisce l’occasione – dopo oltre vent’anni dall’ultima esposizione al pubblico – per il riordino conservativo del fondo e l’avvio del percorso di ricerca scientifica promosso da Fondazione Brescia Musei e dal Comune di Brescia, per la pubblicazione del catalogo generale dell’artista in collaborazione con i massimi studiosi della sua opera.
MEMO Due mostre con un unico biglietto!
 
 
 
 
 
Orgogliosa di far parte di questo evento,  con l'intervento su 14 opere esposte....
Consiglio di vedere la mostra.  Ammetto credevo potesse essere molto cupa,  perchè Romolo Romani è un artista dannato, invece è molto interessante ed evocativa.  Romani è un grandissimo disegnatore e visionario,  grazie a Fondazioni Brescia Musei è presentato al pubblico e nei prossimi anni studiato in maniera approfondita.